Informativa sull'utilizzo dei cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Navigando dichiari di essere consapevole.

   
Text Size
Login

 

 

 

Portale turistico Pianello Val Tidone 

 

 

Storia

Pianello Val Tidone - Storia

Fonte: www.comunepianellovaltidone.it - Realizzato a cura degli studenti ed insegnanti della Scuola Media Statale E.Carella di Pianello Val Tidone

 Scorcio della Val Tidone (PiacenzaLa zona di Pianello fu abitata già in epoca molto antica.

Alcuni strumenti in pietra levigati e selce, rinvenuti sul pianoro alla confluenza dei torrenti Tidone e Chiarone, vicino all'attuale cimitero, risalgono addirittura al periodo neolitico.
Gli scavi della Piana di San Martino che hanno portato alla luce oggetti d'uso in bronzo e le grotte a Rocca d'Olgisio testimoniano che ci furono insediamenti nell'Età del Bronzo e del Ferro.

Sempre vicino al cimitero è stato rinvenuto un abitato romano collocabile tra il I secolo a.C e il I secolo d.C. e frammenti ceramici recuperati a seguito di lavori agricoli (esposti nel Museo Archeologico della Valtidone ) indicano che in epoca romana si svilupparono numerosi insediamenti rurali.
La Piana di San Martino fu di nuovo insediata in età tardo-antica e alto medievale e una necropoli altomedievale è stata individuata ancora vicino al cimitero.
A partire dal VII secolo a.C. Pianello fece parte dei territori del Monastero di San Colombano e in quell'epoca fu costruita la chiesa dedicata al Santo.
Tra il VII e il IX secolo il paese fu citato in atti del monastero con i nomi Pianellae , Planellis o Planitas che rimandono alle piccole piane che lo circondano. Intorno all'anno Mille a Pianello fu costruita la fortezza, distrutta da Federico Barbarossa nel 1164.

pianellovaltidone_rocca_piacenzaNel 1076 il canonico della cattedrale di Piacenza, Giovanni, cedette Rocca d'Olgisio ( Castrum Olzisij ) ai monaci di San Savino, ai quali rimase fino al 1296.
Durante il dominio visconteo Gian Galeazzo, nel 1378, consegnò Pianello al suo Consigliere e Capitano Jacopo Dal Verme, proprietario della Rocca d'Olgisio e di Bobbio. Nacque lo Stato Vermesco.

Il conte Jacopo fece ricostruire la Rocca che era stata distrutta dal Barbarossa.
Nel XV secolo Ludovico il Moro, ultimo degli Sforza a dominare su Piacenza, consegnò Pianello a Galeazzo Sanseverino. Durante l'assedio delle milizie francesi la Rocca d'Olgisio subì 1160 colpi di cannone, ma perse un solo torrione. Nel 1521 le truppe del papa Leone X cacciarono i francesi e la zona tornò in possesso dei Dal Verme che la governarono fino al 1646. In quell'anno morì Federico Dal Verme e, per estinzione della famiglia, Pianello passò alla Camera Ducale Farnesiana, seguendo le vicende storiche della città di Piacenza e tornando agli eredi Dal Verme. Dal 1979 il castello è di proprietà della famiglia Bengalli.
Durante la Seconda Guerra Mondiale Rocca d'Olgisio fu sede del Comando della II Divisione Partigiana di Piacenza.

Panorama Pianello Val TidonePianello Val Tidone - Panorama e Vigneti

Rocca d'Olgisio - Pianello Val Tidone

Rocca d'Olgisio - Pianello Val Tidone - Vista estiva

colline_della_val_tidone

Colline della Val Tidone (Piacenza)

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci l'email qui sotto:

Powered by FeedBurner & pianellovaltidone.net

Seguici anche su...

Seguici su facebook Seguici su twitter friedfeed 

youtube buzz  RSS_feed

feedburner  panoramio LOGO-UNPLI